Veladamare
english English
  veladamare  
home skipper imbarcazioni Diario di Bordo libri glossario meteo

CARAIBI 2017: BVI - BRITISH VIRGIN ISLAND

Il racconto dello Skipper Andrea relativo al periodo Natale 2016 - Capodanno 2017.



Per il terzo anno consecutivo ho la fortuna di veleggiare nel Mare deiCaraibi.
L’anno scorso la crociera a vela si svolgeva nelle West Indies, cioè nelle così dette“isole sottovento” rispetto agli Alisei .

Geograficamente  le isole sottovento sono quelle che si trovano dalla Martinica fino ad Anguilla.

Oltre le isole sottovento, più a nord,  si trovano le Isole Vergini .

Cristoforo Colombo diede a questo arcipelago il nome di “Sant’Orsola  e le 11000 vergini”, ispirandosi alla nota vicenda della Santa e delle sue compagne trucidate dal re Unno Attila a Roma, ma ora esse vengono chiamate semplicemente “isole Vergini” .

In tutte le isole dei Caraibi, si respira una atmosfera particolare e piacevole difficile da descrivere .
Per esprimere quello che si prova ai Caraibi faccio mia e riporto integralmente - condividendola appieno - una lettera scritta da Cristoforo Colombo ai sovrani spagnoli Ferdinando e Isabella durante il primo viaggio esplorativo del 1492 – 93:”… i piccoli uccelli e il verde dei prati mi fanno desiderare di rimanere qui per sempre.
Questo paese è cosi incantevole e ameno da offuscare qualsiasi altro per fascino e bellezza, così come la luce del giorno mette in fuga la notte… “

Per capire dove ci si trovaè bene disporre di qualche riferimento culturale.
Tutte le isole dei Caraibi  sottovento e sopravvento sono tutte nelle Piccole Antille.
Le Antille devono il loro nome alla leggendaria isola di Antilia, che si riteneva fosse situata tra l’Europa e l’Asia .
Le Piccole Antille vennero chiamate Isole Caribeenel XVII secolo in seguito alla scoperta della popolazione degli indios Caribe che le abitavano .
Invece le Grandi Antille sono le isole che si trovano all’estremità più settentrionale del Mare dei Caraibi: Cuba, Hispaniola, Giamaica, Portorico .

Il primo popolo a insediarsi nelle isole fu quello dei Cibony 5000 anni fa giunti dal sud America (3000 A.C.) .
Successivamente, 2500 anni più tardi, (500 A.C.) a bordo di canoe giunsero gli Arawak, popolo pacifico dedito all’agricoltura .
Circa nel 1300 D.C. giunsero infine i Caribi, che avevano tratti mongoli con pelle chiara e capelli lunghi e lisci, somiglianti ai popoli dell’Asia settentrionale.
Questi guerrieri  sterminarono e costrinsero alla fuga gli Arawak .
Quando Colombo giunse ai Caraibi, compiendo quattro viaggi tra il 1492 e il 1505, i Caribi vivevano sulle isole solo da uno o due secoli .
Gli spagnoli colonizzarono più facilmente i territori meno battuti dai guerrieri Caribi sul continente e sulle isole più grandi, le Grandi Antille, trascurando le Piccole Antille .
Solo un secolo più tardi le altre potenze europee cominciarono a riempire quel vuoto insediandosi in queste isole minori.
Ovviamente i Caribi non cedettero facilmente e resistettero con tenacia e ferocia e non furono mai sottomessi.
Quando gli europei alla fine finirono per prevalere, i Caribi superstiti lasciarono le isole per trasferirsi sul continente, lasciando solo piccole comunità .
Questi piccoli cenni aiutano a capire  la complessità storica e culturale di questi luoghi .

Tornando al nostro viaggio, per raggiungere queste bellissime isole non ho trovato voli diretti, ma solo voli con scalo negli U.S.A. a New York, pertanto occorre essere in possesso del passaporto elettronico e della Esta rilasciata dagli Stati Uniti.
Quindi bisogna attrezzarsi per tempo .
Da New York si prosegueper Porto Rico, dove si deve prendere un terzo aereoplano e si atterra in fine a Tortola nelle B.V.I. 

Finalmente  a Port Purcell Tortola si prende possesso della bella Ruby, un Oceanis 37 dalle linee classiche e veramenta piacevole da vedere .






24/12/2016
Si parte da Port Purcell con destinazione Cooper Island, ma dopo poco tempo,  ci rendiamo conto che non può essere raggiunta in tempo per prendere una boa di ormeggio .
Quindi si prosegue a vela fino a Normann Island .
Qui le distanze sono più modeste rispetto alle isole sottovento e sopravvento, anche se il vento soffia sempre in modo importante a 20/25 knots !
Anche la corrente è importante e le onde non scherzano: si naviga zuppi !
Si arriva quindi al lasco a Norman Island .
Qui ci sono 90 boe e c’è posto .
Molto bello e ridossato .
Poca risacca e poco rollio .

 

 

25/12/2016

Il trasferimento odierno avrebbe dovuto essere verso Cooper Island, ma il troppo vento contrario ci induce a una tappa più breve: Peter Island .





Il trasferimento non è dei più fortunati .
Nonostante le due mani di terzaroli il vento è troppo per una bolina stretta e l’ultimo pezzo risaliamo il vento a motore .
La baia è bella e selvaggia .
Disabitata e con un solo ristorante sul lato sud .
Scendendo a terra con il gommone ci regaliamo un bel bagno in una piscina naturale .

26/12/2016

Oggi grande bolinata con le solite due mani di terzaroli e genoa super ridotto .
Dopo diversi bordi di bolina strettissima si arriva a Cooper Island: assolutamente bocciata !
Non offre sufficiente ridosso né dal vento né dalle onde .
Dopo una mini sosta tecnica e calcolo della nuova rotta si procede verso  TrellisBay che si trova dall’altra parte del Sir Francis Drake Channel .





Bella e abbastanza ridossata .
Però veramente insidiosa per i numerosi banchi di sabbia in ingresso e in parte della baia .
Meglio non arrivare con poca luce o sole in faccia .
Molto carini i locali a terra .

27/12/2016

Il trasferimento da Trellisbay a Virgin Gorda ovviamente si fa di bolina .
Le due mani di terzaroli ormai non le togliamo più .
I 25/ 30 nodi sono costanti .
Però vale la pena .
La grande baia di Virgin Gorda è ben ridossata sia dal vento sia dal mare .
I colori sono bellissimi: turchese l’acqua e verde la vegetazione.




 

Al momento la considero la baia con i colori più belli .
A terra ci sono i servizi, possibilità di fare acqua e carburante .
La baia è molto grande e non basta una giornata di giretti con il tender per visitarla tutta .
La baia è cosi bella che merita un po’ di giorni di sosta per esplorare tutte le calette che la circondano .

 

 

01/01/17

Dopo la lunga e meritatissima sosta al Virgin Gorda si riparte per navigare alla volta di Cane Garden .






Si naviga ben quattro ore al lasco per arrivare a Cane Garden .
Bella baia ridossata dal vento .
Il nome si deve alla canna da zucchero che ancora distillano qui: da qui il nome .
Consiglio la  sosta diurna .
Assolutamente da evitare il pernottamento: dopo la mezzanotte si è alzata una grossa onda di risacca che faceva rollare tutte le barche !

 

 

02/01/2017

Dopo la notte a Cane Garden non si può dire che ci si risveglia proprio riposati .
Infatti all’alba fuggiamo dalla scomoda Cane Garden per raggiungere Jost Van Dicke .
Purtroppo, pur essendo bella  è bocciata per il ridosso .
A mio avviso non è sufficiente .
Lo stesso dicasi per le piccole baia vicine ad essa .
Quindi si punta sulla bella e sicura Norman Island, ma ovviamente il piano va a monte a causa di un vero e proprio acquazzone tropicale che ci costringe ad una tappa forzata a SupanHole .
Si tratta di un piccolo porticciolo tranquillo dove il mare è finalmente calmo !
Dopo un meritato riposo e una nottata finalmente tranquilla si veleggia finalmente alla volta della bellissima Norman Island .
Che è l’ultima tappa prima della riconsegna della barca a Port Purcell .





Le pratiche di riconsegna sono veloci e efficenti  .
Non resta che rivolare verso la nostra bella, ma un po’ fredda,  Europa !!

 

Gite in barca a vela

links | risorse

© 2006-2007 Veladamare.it - gite in barca a vela - web and seo: labellarte.it